stampa   invia
22/02/2016

Denuncia Flai: banca nega pagamento assegno a bracciante immigrato

Calamita, segretario generale Flai: Caso incredibile, attendiamo scuse ufficiali, isolto solo grazie all´intervento di Banca Etica

Denuncia Flai: banca nega pagamento assegno a bracciante immigrato Da un lato la straordinaria solidarietà di associazioni, cittadini, aziende che da tutta la provincia hanno risposto all´appello lanciato da Flai e Caritas per la raccolta di viveri, coperte, abiti dopo l´incendio che ha quasi del tutto distrutto il ‘gran ghetto´. Dall´altro l´assurdo e inspiegabile comportamento di una istituzione che venendo meno e leggi e regole danneggia un cittadino probabilmente solo perché straniero e dalla pelle scura.

E´ quanto accade a Foggia, “dove la filiale di un istituto bancario tra i più importanti del paese – spiega Daniele Calamita, segretario generale della Flai – a seguito di una transazione chiusa dalla nostra categoria a vantaggio di un lavoratore immigrato, ha di fatto negato allo stesso di incassare l´assegno emesso dall´azienda a copertura delle mancate e pregresse retribuzioni non percepite”.

Un assegno circolare emesso dallo stesso istituto bancario, “per il quale un cittadino con regolare permesso di soggiorno e passaporto in corso di validità si è visto rimbalzare – dettaglia Calamita – dallo sportello al direttore della filiale, quindi al direttore della sede centrale fino a un diniego immotivato, nonostante il lavoratore volesse addirittura aprire un conto corrente nella stessa banca”.
Un assegno circolare pagabile a vista “per il quale si è riusciti a trovare una soluzione solo grazie all´interessamento e alla disponibilità della filiale foggiana di Banca Etica, alla quale va il nostro ringraziamento, anche a nome del lavoratore”.

“In attesa di ricevere spiegazioni e magari delle scuse dall´altra banca – conclude Calamita – vogliamo invece pensare che il tratto distintivo della nostra comunità sia la generosità che ancora oggi stiamo riscontrando rispetto alle emergenze che vivono i lavoratori del ‘gran ghetto´, in attesa magari di un segnale forte delle istituzioni, le grandi assenti. Ci tengo a ringraziare in particolare il pastificio Tamma, la lavanderia Secco Acqua di Michele Rignanese di Foggia, ancora la Banca Etica, l´oratorio di Castelluccio dei Sauri, l´associazione Lo Specchio della Vita e la parrocchia Sant´Antonio di San Paolo di Civitate, l´associazione le Ali della Vita di San Severo, la Flai nazionale, regionale e la Flai di Palermo, le Cgil di Puglia e di Foggia. E una sterminata lista di cittadini di tutta la Capitanata, che ci ricordano come questa provincia sia storicamente terra d´accoglienza e non di ghetti e discriminazioni. Il nostro intento è lavorare perché si chiuda per sempre un triste capitolo e sia restituita piena dignità a chi contribuisce alla ricchezza della nostra agricoltura”.