stampa   invia
04/04/2013

Cgil e Slc di Foggia e Puglia: la Provincia si attivi per la riapertura dell´Oda Teatro

La struttura di Corso del Mezzogiorno sarebbe sprovvista del certificato di staticità. "A pagare sono i venti lavoratori e le loro famiglie; grave il danno culturale alla città che già fa i conti con la chiusura del Giordano

Cgil e Slc di Foggia e Puglia: la Provincia si attivi per la riapertura dell´Oda Teatro La sconcertante notizia della chiusura dell´ODA Teatro a Foggia è un ulteriore schiaffo ai cittadini foggiani e alla produzione culturale dell´intera Capitanata.

La meritevole iniziativa della Provincia di Foggia di acquistare e trasformare, agli inizi degli anni duemila, un capannone industriale in un luogo destinato alla cultura è oggi offuscata dall´incredibile situazione che ha portato alla chiusura del Teatro, a causa di una certificazione inesistente di staticità dell´immobile. Nonostante un “regolare” bando espletato nel 2003 e vinto dalla incolpevole compagnia teatrale Cerchio di Gesso.

Una storia di incuria e disattenzione delle Amministrazioni provinciali che rischia di costare molto caro ai venti lavoratori impegnati nel teatro e alle loro famiglie, per non parlare del danno culturale all´intera cittadinanza già offesa dalla chiusura che si protrae da anni del Teatro Giordano.

Se pur in scadenza del mandato politico, riteniamo doveroso che la Provincia di Foggia avvii immediatamente tutte le procedure utili a consentire la riapertura dell´Oda teatro.