stampa   invia
07/03/2013

Fondata sul rispetto delle donne: l´8 marzo della Cgil contro la violenza

Una violenza che viene perpetuata in tutti gli ambiti della società, e che nel 2012 ha causato la morte di 120 donne. Ma un 8 marzo dedicato anche a tutte le donne che in questo territorio trovano ancora ostacoli per una completa reali

il manifesto della Cgil per l´8 marzo

Fondata sul rispetto delle donne: l´8 marzo della Cgil contro la violenza “Fondata sul rispetto. La violenza sulle donne è una sconfitta per tutti”. E´ lo slogan che la CGIL ha deciso di utilizzare quest´anno per la Festa delle donne. L´8 marzo sarà quindi un´ulteriore occasione per la CGIL di ribadire il suo impegno contro la violenza sulle donne, una violenza che viene perpetuata in tutti gli ambiti della società, da quello familiare a quello lavorativo e che nel 2012 ha causato la morte di 120 donne. Un dramma che per la Cgil deve essere, ogni giorno, all´evidenza di tutti.

Un 8 marzo dedicato anche a tutte le donne che in questo territorio trovano ancora incredibili ostacoli per una completa realizzazione lavorativa e familiare. La situazione di crisi colpisce particolarmente loro, già costrette a discriminazioni salariali, precarietà, disoccupazione, in una provincia dove il tasso di impiego femminile è tra i più bassi d´Italia e d´Europa.

Per queste donne la Cgil continuerà a stare in campo, contro ogni forma di violenza, riaffermando la centralità del lavoro – dignitoso, legale, sicuro –, per una contrattazione che rispetti i diritti e i tempi di vita delle donne madri e lavoratrici, per servizi pubblici adeguati a sostegno delle famiglie, infine per la piena affermazione delle pari opportunità – anche sul versante della rappresentanza nelle istituzioni - e una visione del ruolo della donna nella società e nella famiglia non più subalterna all´uomo. Per noi della Cgil l´8 Marzo è un´occasione di riflessione, ma rappresenta anche la motivazione di un impegno costante in direzione del miglioramento della condizione femminile in Capitanata.