stampa   invia
21/11/2011

Incidente mortale nell´impianto Sfir, perde la vita operaio 42enne. La denuncia della Flai

"Da quel che ci dicono i compagni di Marcello erano al lavoro senza alcuna misura di sicurezza e garanzia. Alla nostra richiesta di istituire la figura del Rls dall´altra parte abbiamo riscontrato solo rinvii e perdite di tempo"

Incidente mortale nell´impianto Sfir, perde la vita operaio 42enne. La denuncia della Flai “Esprimiamo alla famiglia il più profondo cordoglio – afferma il segretario della Flai Cgil, Daniele Calamita-. Da quel che ci dicono i compagni di Marcello erano al lavoro senza alcuna misura di sicurezza e garanzia. Alla semplice richiesta da noi avanzata di istituire la figura del Rls – il Responsabile dei lavoratori per la sicurezza, che con l´impresa deve valutare i rischi e predisporre misure preventive di messa in sicurezza di tutto il ciclo lavorativo – dall´altra parte abbiamo riscontrato solo rinvii e perdite di tempo"

Ancora morti sul lavoro, ancora una vittima in Capitanata. Un operaio 42enne di Lucera ha perso la vita stamattina mentre era al lavoro nel sito dell´ex zuccherificio Sfir, dove oggi avvengono solo attività di confezionamento e stoccaggio.

Marcello Cassinese, questo il nove del dipendente della SfirLog, società controllata dalla Sfir specializzata in attività di logistica, stava lavorando con una macchina per pallett quando per ragioni che toccherà ora alla magistratura approfondire è rimasto schiacciato dalla stessa.

“Esprimiamo alla famiglia il più profondo cordoglio – afferma il segretario della Flai Cgil, Daniele Calamita-. Da quel che ci dicono i compagni di Marcello erano al lavoro senza alcuna misura di sicurezza e garanzia. Se questa è la riconversione del sito industriale, se il prezzo da pagare è la vita stessa degli operai, allora la Sfir può anche andar via. Non è questo lavoro che serve al Mezzogiorno e alla Capitanata”.

“L´azienda – conclude Calamita – è stata destinataria di finanziamenti pubblici di notevole entità. Eppure, alla semplice richiesta da noi avanzata di istituire la figura del Rls – il Responsabile dei lavoratori per la sicurezza, che con l´impresa deve valutare i rischi e predisporre misure preventive di messa in sicurezza di tutto il ciclo lavorativo – dall´altra parte abbiamo riscontrato solo rinvii e perdite di tempo”.