stampa   invia
04/10/2010

4 ottobre giornata internazionale degli inquilini. Sunia, Sicet e Uniat di Capitanata: preoccupazione per disagio abitativo

"Situazione grave per quanti vivono nel territorio, afflitto da disoccupazione e difficoltà economiche che non permettono di far fronte a canoni sempre più alti, insostenibili per famiglie monoreddito o che un reddito non hanno più"

4 ottobre giornata internazionale degli inquilini. Sunia, Sicet e Uniat di Capitanata: preoccupazione per disagio abitativo Il 4 ottobre si celebra la giornata internazionale degli inquilini. Le Nazioni Unite hanno fissato una giornata in tutto il mondo per sensibilizzare le istituzioni e l´opinione pubblica sui temi dell´ambiente e dell´affitto. L´idea è di riflettere sullo stato delle nostre città e il diritto fondamentale di tutti, a un alloggio adeguato. Questo momento è inoltre destinato a ricordare al mondo la sua responsabilità collettiva per il futuro dell´habitat umano. Quest´anno le Nazioni Unite hanno scelto un tema e uno slogan: “Better City, Better Life” migliori città, migliore vita, per evidenziare la nostra visione collettiva di un mondo urbano sostenibile, che sfrutta le potenzialità e le possibilità, mitiga le diseguaglianze e le disparità, e fornisce una casa per persone di tutte le culture, razze, età, ricche e povere. La giornata internazione dell´inquilino è sostenuta anche dallo IUT (Unione Internazionale degli Inquilini) e verrà celebrata anche in Italia con alcune iniziative unitarie di Sunia CGIL, Sicet CISL e Uniat Uil.

Le Segreterie Provinciali di Foggia di Sunia, Sicet e Uniat esprimono grande preoccupazione per la situazione di coloro che vivono in affitto nel nostro territorio, afflitto dalla disoccupazione e dalla perdita di sicurezze economiche che non permettono di far fronte al pagamento di canoni d´ affitto sempre più alti ed insostenibili per nuclei familiari monoreddito o che un reddito ormai non l´hanno più. Basti pensare che nel 2008 gli sfratti per morosità sono cresciuti del 121,94%, e si prospetta un aumento ulteriore del 20% nell´ultimo anno. Secondo Sunia, Sicet e Uniat di Foggia, “servono urgenti interventi che mirino ad aumentare le risorse del Fondo Sostegno affitti, sempre minori negli ultimi anni a fronte di una crescente richiesta. Sono ormai troppi anni che non si investe nell´ edilizia residenziale pubblica, nonostante una richiesta sempre maggiore (nell´ultimo bando di assegnazione di alloggi popolari le domande sono state più di tremila nel solo capoluogo di provincia) che rimane puntualmente inevasa”.

Secondo i sindacati, “le nostre periferie sono sempre più degradate. Per questo, si sollecitano i Comuni che hanno sottoscritto gli accordi di programma con la Regione Puglia a cantierizzare i progetti finanziati dai PIRP, i piani integrati di riqualificazione delle periferie, che darebbero, anche se parziale, una risposta non solo alla richiesta di alloggi, ma anche un rilancio dell´ investimento edilizio e oltre che slancio alla ripresa economica. Serve una politica rivolta ai giovani la cui precarietà non permette l´acquisto di una casa. Servono aiuti a coloro i quali non possono permettersi di pagare affitti esosi ma il cui reddito non permette l´accesso all´edilizia pubblica. La giornata internazionale dell´inquilino può e deve essere il momento di dialogo delle varie parti sociali coinvolte con le istituzioni nel tentativo di arginare un problema che è destinato a coinvolgere una parte sempre più grande della popolazione provinciale”. Il Sunia CGIL, Sicet CISL e Uniat Uil “sono disponibili a dare il loro apporto e suggerimenti e aperti al dialogo con quanti vorranno unirsi alla risoluzione dei problemi dell´abitare in provincia di Foggia”.