stampa   invia
14/04/2010

Acqua bene pubblico, appello Cgil Puglia: “Ogni sforzo per raccolta firme referendum”

In una lettera alle strutture del sindacato pugliese, il segretario generale Gianni Forte ha ribadito come “il tema dell´acqua e dei servizi pubblici locali sia da tempo all´attenzione dell´intera organizzazione sindacale”

Acqua bene pubblico, appello Cgil Puglia: “Ogni sforzo per raccolta firme referendum” Piena condivisione della battaglia “perché l´acqua rimanga un bene pubblico essenziale quale diritto universale” è stata espressa oggi dal segretario generale della Cgil della Puglia, Gianni Forte.

Una posizione già assunta centralmente dalla confederazione “in coerenza con le preoccupazioni espresse e le iniziative assunte nei mesi scorsi in merito alle gravi conseguenze derivanti dalle scelte del Governo di privatizzare i servizi pubblici locali”.

In una lettera alle strutture del sindacato pugliese, il leader della Cgil regionale ribadisce come “il tema dell´acqua e dei servizi pubblici locali sia da tempo all´attenzione dell´intera organizzazione sindacale”, anche a livello nazionale, che lo ha ribadito nei documenti e nel dibattito per il XVI Congresso nazionale, in programma a Rimini dal 5 all´8 maggio prossimi.

“Pur confermando la scelta della Confederazione di non essere soggetto promotore di campagne referendarie”, Forte sollecita tutte le strutture del sindacato pugliese “a garantire ogni sforzo, per la raccolta delle firme”, a sostegno dell´iniziativa referendaria tesa ad abrogare la legge Ronchi e le altre norme che hanno aperto le porte alla gestione dell´acqua da parte dei privati.