stampa   invia
07/01/2009

Servizi Informatici Srl di San Severo, licenziate quattro lavoratrici. Si erano a poco iscritte alla Cgil

La società è titolare di attività esternalizzate da istituti di credito come bancApulia. “Denunciamo la vessazione verso chi esercita il libero diritto d´associazione. Una prassi liberticida che mina l´agibilità del fare sindacato”

Servizi Informatici Srl di San Severo, licenziate quattro lavoratrici. Si erano a poco iscritte alla Cgil INIZIO D´ANNO AMARO PER QUATTRO LAVORATRICI LICENZIATE DALLA SERVIZI INFORMATICI SRL DI San Severo, le sole iscritte al sindacato su 22 addetti della società, che lavora in appalto per alcuni istituti di credito. E´ quanto denuncia la Camera del Lavoro del centro dell´Alto Tavoliere.

“I licenziamenti – spiega Angela Villani, coordinatrice della Camera del Lavoro comunale – sono stati motivati per un presunto calo di commesse, ed hanno interessato 3 lavoratrici assunte a tempo indeterminato ed una assunta con contratto triennale di apprendistato. Non è certamente una casualità che la scelta della società arrivi a ridosso dell´iscrizione delle stesse alla Cgil e dopo la nomina della delegata aziendale”.

L´appello della Cgil è alle istituzioni, “perché intervengano per fermare questo procedere di molte aziende – spiega la coordinatrice della Camera del Lavoro – che colpiscono i lavoratori e le lavoratrici che esercitano il libero diritto, garantito costituzionalmente, di associazione. Una pratica liberticida che mina l´agibilità del fare sindacato nei luoghi di lavoro e che non può trovare silenti istituzioni e associazioni datoriali. Una limitazione inaccettabile e che offende tutti”.

La Servizi Informatici Srl è titolare tra gli altri di attività esternalizzate da bancApulia e Banca Popolare di Bari, “banche del territorio che ricorrono sempre più spesso all´affidamento all´esterno di proprie attività e che non possono far finta di nulla quando si verificano atti così palesemente offensivi della dignità delle lavoratrici”.

“Inoltre – conclude Angela Villani – le lettere di licenziamento sono state firmate da una persona che prima ricopriva l´incarico di amministratore delegato della società e che oggi, stando alle visure camerali, non ha più alcun ruolo all´interno della Servizi Informatici. Anche per questo il sindacato si attiverà presso tutte le sedi impugnando il licenziamento, a garanzia del lavoro e del reddito delle quattro lavoratrici”.